Pesce spada alla ghiotta

Pesce spada alla ghiotta

Difficoltà: facile

Genere: tutte le occasioni

Tempi: 60′

Ingredienti:

  • 12 fette di pesce spada tagliate nella parte centrale
  • 250 grammi di pomodori pelati
  • 1-2 cucchiai di capperi sotto sale
  • 14 olive nere denocciolate
  • 1 tazza di mollica di pane
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe qb

 

Vino consigliato: San Vito di Luzzi Bianco Doc o Cirò Bianco
Olio consigliato: Olio extravergine di oliva con sensazioni di amaro e piccante da medie a intense: Blend di Biancolilla, Nocellara del belice, Cerasuola (Sicilia), Blend di Bosana, Tonda di Cagliari, Semidana (Sardegna)

 

Dissalate i capperi e tagliate le olive a pezzetti. Prendete una ciotola e riunite la mollica di pane, i capperi, le olive, un pizzico di pepe e amalgamate con cura il tutto con uno- due cucchiai di olio extravergine d’oliva.
Al termine, suddividete il ripieno sulle dodici fette di pesce spada; arrotolatele facendone degli involtini e fermateli con uno o due stecchini di legno.

A parte, in un tegame, scaldate mezzo bicchiere abbondante di olio extravergine d’oliva, aggiungete i pelati precedentemente spezzettati, salate e cuocete a fiamma bassa per 10 minuti.
Trascorso il tempo richiesto, adagiate nel recipiente gli involtini di spada e cuocete a fiamma media per circa 20 minuti.

Servite gli involtini ben caldi in un piatto da portata.

Arrosticini

Difficoltà: facile

Genere: informale

Tempi: 30′

Ingredienti:

  • 800 gr di carne bovina
  • 1 ramoscello di rosmarino
  • sale qb

Vino consigliato: Trebbiano

Tagliate la carne a cubetti di un centimetro e infilzateli negli spiedini. Oliate, con olio extravergine d’oliva, la griglia e scaldatela sul fornello.

Cuocete gli arrosticini un minuti per lato fino ad ottenere una leggera crosticina.

Al termine della cottura, salate e guarnite gli arrosticini nel piatto con il rosmarino.

Brasato al barolo

Brasato al barolo

Difficoltà: media

Genere: tutte le occasioni

Tempi: 68′ + 12h

Ingredienti:

  • 800 grammi di carne di manzo (scamone o sottofiletto)
  • 1 bottiglia di Barolo
  • ½ bicchiere di cognac o di brandy
  • 2 cipolle
  • 2 carote
  • ½ sedano
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 chiodi di garofano
  • qualche grano di pepe
  • un mazzetto di erbe aromatiche: alloro, salvia, rosmarino, timo
  • olio extravergine di oliva
  • burro

Olio consigliato: Olio extra vergine di oliva con intense sensazioni di amaro e piccante: Bland di Ogliarola Barese e Coratina (Puglia), Bland di Frantoio, Moraiolo e Leccino (Toscana)

Lasciate macerare la carne con il barolo e le spezie (chiodi di garofano, grani di pepe, un pizzico di sale grosso, cipolle, carote e sedano precedentemente lavati) in un recipiente per 12 ore. Effettuate la marinatura a temperatura ambiente (non in frigo, non in luoghi caldi).

Al termine della marinatura, mettete le verdure in un tegame con olio extravergine di oliva e lasciate cuocere a fuoco vivace. Fate rosolare le verdure, aggiungete la carne facendola rosolare da tutti i lati e aggiungete mezzo bicchiere di cognac o brandy. Non appena sarà evaporato, aggiungete il vino usato per la marinatura.

Lasciate cuocere, girando ogni tanto, a fiamma bassa per circa 50-60 minuti. Servite il piatto caldo.

San Pietro al Vino

San Pietro al Vino

Difficoltà: facile

Genere: tutte le occasioni

Tempi: 25′

Ingredienti:

  • 8 filetti di San Pietro
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • 1 mazzetto di prezzemolo tritato
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva
  • sale qb.

 

Vino consigliato: Ribolla Gialla

Olio consigliato: Olio extravergine di oliva fruttato leggero: Blend di Taggiasca, Pignola, Razzola (Liguria), Blend Carolea e Dolce di Rossano (Calabria), Blend di Pisciottane e Rotondella (Campania)

 

Pulite e tritate il prezzemolo e l’aglio. Accendete il forno a 180 °C.

In una pirofila versate dell’olio e disponetevi i filetti di pesce sovrapponendoli leggermente l’uno sull’altro. Prendete una ciotola e mescolate il prezzemolo e l’aglio tritati con il vino e versate sul pesce; salate e coprite la pirofila con un foglio d’alluminio. Mettete la pirofila in forno per circa 10 minuti.

Al termine, togliete il foglio d’alluminio e cuocete ancora per 5 minuti. Servite il piatto caldo.

Costoletta alla valdostana

Costoletta alla valdostana

Difficoltà: media

Genere: informale

Tempi: 20′

Ingredienti:

  • 8 costolette di vitello senza osso (circa 800 grammi)
  • 150 grammi di prosciutto cotto a fette
  • 100 grammi di fontina
  • 2 uova
  • 150 grammi di pangrattato
  • 200 grammi di burro
  • sale qb
  • pepe qb.

Vino consigliato: Bonarda o Barbera

 

Prendete della fontina e tagliatela a fettine sottili. Ponete la fontina e il prosciutto cotto su ciascuna delle quattro fettine e richiudete la farcitura con un’altra fettina di vitello. A parte, sbattete delle uova in una ciotola e in un’altra ponete del pangrattato.

Prendete le costolette e passatele prima nell’uovo e poi nel pangrattato, facendo attenzione che aderisca bene su tutta la superficie.

Mettete le costolette a cuocere su ambo i lati in una padella, precedentemente imburrata e oliata non appena inizia a soffriggere, per circa 10 minuti. Appena pronte, scolate l’eccesso d’olio e servitele ben calde.

Cernia e patate

Cernia e patate

Difficoltà: facile

Genere: tutte le occasioni

Tempi:63′

Ingredienti:

  • 1 cernia di circa 1 kg
  • 4 patate
  • 1 mazzo di prezzemolo
  • 2 spicchi d’aglio
  • 50 gr di pecorino grattugiato
  • 6 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Sale e pepe qb

 

Pulite la cernia lavandola bene dentro e togliendo le squame; con una forbice eliminate le pinne. Tritate il prezzemolo e l’aglio. Sbucciate le patate e tagliatele a fettine sottili. Nel frattempo, accendete il forno a 200°C. Prendete una teglia da forno e versate 2 cucchiai di olio. Poi adagiate sul fondo della teglia la metà delle fettine di patate, salatele e spargete metà del tritato di aglio e prezzemolo e del pecorino grattugiato. Disponete la cernia sopra le patate e aggiungete sale e pepe. Disponete sopra la cernia l’altra metà delle fettine di patate e il rimanente del tritato di aglio e prezzemolo e del pecorino. Spargete l’olio avanzato e infornate nel forno già caldo. Lasciate cuocere per circa 40 minuti. Servite il piatto caldo.