Seadas

Seadas

Difficoltà: facile

Genere: informale

Tempi: 70′

Ingredienti:

  • 500 grammi di farina di semola di grano duro
  • 3 uova
  • 3 cucchiai di strutto
  • 1 cucchiaio di acqua
  • sale qb
  • 1 kg di pecorino sardo
  • scorza di 2 arance
  • 1 limone

 

Impastate farina e uova, sciogliete il sale in un cucchiaio di acqua e aggiungetelo all’impasto. Aggiungete, poco per volta, lo strutto e continuate a impastare fino a ottenere una consistenza morbida e elastica. Coprite l’impasto con un panno e lasciatelo riposare.

Nel frattempo grattate il pecorino, unite al formaggio la scorza tritata delle arance e il succo del limone e amalgamate fino a ottenere una crema molto densa. Riprendete l’impasto e stendetelo in foglie sottili. Dalle foglie ricavate dei dischi del diametro di circa 10 cm;  sulla metà dei dischi che avete preparato ponete un paio di cucchiai di impasto e richiudete con l’altra metà dei dischi in modo da ottenere un calzone premendo sui bordi.

In una pentola fate scaldare abbondate olio d’oliva e friggete le seadas. Servite il piatto caldo cospargendo le seadas di zucchero a velo o con il miele (precedentemente scaldato per renderlo più liquido).

Brasato al barolo

Brasato al barolo

Difficoltà: media

Genere: tutte le occasioni

Tempi: 68′ + 12h

Ingredienti:

  • 800 grammi di carne di manzo (scamone o sottofiletto)
  • 1 bottiglia di Barolo
  • ½ bicchiere di cognac o di brandy
  • 2 cipolle
  • 2 carote
  • ½ sedano
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 chiodi di garofano
  • qualche grano di pepe
  • un mazzetto di erbe aromatiche: alloro, salvia, rosmarino, timo
  • olio extravergine di oliva
  • burro

Olio consigliato: Olio extra vergine di oliva con intense sensazioni di amaro e piccante: Bland di Ogliarola Barese e Coratina (Puglia), Bland di Frantoio, Moraiolo e Leccino (Toscana)

Lasciate macerare la carne con il barolo e le spezie (chiodi di garofano, grani di pepe, un pizzico di sale grosso, cipolle, carote e sedano precedentemente lavati) in un recipiente per 12 ore. Effettuate la marinatura a temperatura ambiente (non in frigo, non in luoghi caldi).

Al termine della marinatura, mettete le verdure in un tegame con olio extravergine di oliva e lasciate cuocere a fuoco vivace. Fate rosolare le verdure, aggiungete la carne facendola rosolare da tutti i lati e aggiungete mezzo bicchiere di cognac o brandy. Non appena sarà evaporato, aggiungete il vino usato per la marinatura.

Lasciate cuocere, girando ogni tanto, a fiamma bassa per circa 50-60 minuti. Servite il piatto caldo.

Risotto alla milanese

Risotto alla milanese

Difficoltà: media

Genere: tutte le occasioni

Tempi: 27′

Ingredienti:

  • 400 grammi di riso superfino
  • 50 grammi di midollo di manzo tritato
  • 70 grammi di burro
  • 1 cipolla piccola
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • ½ litro di brodo di carne
  • 2 bustine di zafferano
  • parmigiano grattugiato
  • sale qb

 

Prendete un tegame e fate sciogliere 40gr di burro con il midollo di manzo per 2 minuti circa. Unite al tutto la cipolla tritata e fate appassire a fuoco basso. Lasciate cuocere per altri 3 minuti circa. Poi, alzate la fiamma, aggiungete il riso e mescolate per altri 2 minuti circa. Aggiungete il vino e quando si sarà asciugato iniziate a versare il brodo, poco alla volta, sempre continuando a mescolare per altri 3 minuti circa. Poi alzate la fiamma e proseguite la cottura per altri 15 minuti circa. Aggiungete 3 cucchiai di parmigiano grattugiato, zafferano e proseguite per un altro minuto la cottura.

Assaggiate il sale e prima di spegnere la fiamma aggiungete il burro avanzato e mantecate.

Servite il piatto caldo con parmigiano a parte.

 

Panzanella

Panzanella

Difficoltà: facile

Genere:informale

Tempi: 25′

Ingredienti:

  • 400 grammi di pane raffermo
  • 2 pomodori
  • 2 cipolle rosse
  • 1 costola di sedano bianco
  • 1 mazzetto di basilico
  • olio extravergine di oliva
  • aceto di vino rosso

 

Olio consigliato: Olio extravergine di oliva con sensazioni di amaro e piccante da medie a intense: Blend di Moraiolo, Leccino, S.felice (Umbria), Blend di Biancolilla, Nocellara del Belice e Cerasuola (Sicilia)

Tagliate il pane in fette non sottili e tenetelo a mollo in acqua fredda 5 minuti. Tagliate i pomodori a fettine, le cipolle il sedano e il basilico. Togliete il pane e strizzatelo per eliminare tutta l’acqua, il pane può essere lasciato a fette oppure ridotto in pezzi. In una ciotola mettete il pane e aggiungete i pomodori, le cipolle, il sedano e il basilico.

Condite con olio extravergine d’oliva, sale, pepe e mescolate.

Servite il piatto aggiungendo una spruzzata di aceto di vino.

 

Insalata di polpo

Insalata di polpo

Difficoltà: facile

Genere: tutte le occasioni

Tempi: 115′

Ingredienti:

  • 1 polpo pulito di circa 1kg
  • 4 patate
  • 1 foglia di alloro
  • 1 cucchiaio di aceto bianco
  • 1 costola di sedano con le foglie
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 mazzo di prezzemolo
  • sale e pepe qb

 

Olio consigliato: Olio extravergine di oliva con sensazioni di amaro e piccante da medie a intense: Blend di Biancolilla, Nocellara del belice, Cerasuola (Sicilia), Blend di Ogliarola Garganica, Peranzana e Coratina (Puglia)

 

Sbucciate le patate e mettetele in una pentola in acqua bollente; lasciate cuocere le patate. Quando saranno cotte scolarle e lasciarle raffreddare. Lavate il polpo eliminando il becco centrale e spellatelo. Cuocetelo per circa 25-30 minuti in acqua bollente e durante la cottura aggiungete all’acqua alloro e aceto.

Terminata la cottura, scolate il polpo eliminando i residui di pelle, affettate i tentacoli e lasciate raffreddare. Pulite il sedano, eliminate i filamenti e tritatelo insieme al prezzemolo. Trasferite il composto in una ciotola a cui unite 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva, un pizzico di sale e il pepe. Tagliate poi le patate a fette; disponetele su un piatto di portata e condite con salsa di sedano e prezzemolo precedentemente preparata.

Tagliate il polpo a fette e adagiatelo sopra le patate. Condite il tutto con 2 cucchiai di olio extravergine di oliva e una manciata di pepe. Servite il piatto tiepido o freddo.

Carciofi alla napoletana

Carciofi alla napoletana

Difficoltà: media

Genere: tutte le occasioni

Tempi: 50′

Ingredienti:

  • 8 carciofi medio-piccoli
  • 2 spicchi d’aglio
  • 100 grammi di olive verdi
  • 1 cucchiaio di capperi sotto sale
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 1 limone
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe qb

Olio consigliato: Olio extravergine d’oliva fruttato medio con sensazioni di erbaceo, amaro e piccante: Blend di Sessana (Campania), Blend di Ogliarola e Minucciola (Campania)

Pulite i carciofi e tagliateli in 8 spicchi ciascuno. Spremete poi un limone in una ciotola d’acqua e immergetevi i carciofi. Lavate e tritate il prezzemolo; lavate abbondantemente i capperi; snocciolate le olive verdi e poi tagliatele a rondelle. Ora togliete i carciofi dall’acqua e scolateli. In un tegame, fate scaldare dell’olio extravergine d’oliva e fate rosolare gli spicchi d’aglio.

Una volta rosolati, togliete gli spicchi di aglio e aggiungete i carciofi, le olive, i capperi e un bicchiere d’acqua mescolando spesso. Poi unite sale e pepe e coprite con un coperchio. Proseguite la cottura a fiamma moderata aggiungendo, se necessario, altra acqua calda.

Lasciate cuocere per circa 20 minuti. Poco prima del termine della cottura aggiungete il prezzemolo.

Servite ben caldo.